Cortisone e cefalea a grappolo

Cortisone e cefalea a grappolo

Cortisone e cefalea a grappolo

Il cortisone è un farmaco solitamente molto efficace quale farmaco di profilassi per la cefalea a grappolo. È un antinfiammatorio per eccellenza. È un farmaco dopante.

È un farmaco che però genera una molteplicità di effetti collaterali importanti e gravi tali per cui non può essere assunto troppo spesso o per periodi troppo lunghi.

Tra gli effetti collaterali del cortisone ne cito alcuni: ritenzione di fluidi, ritenzione sodica, ipertensione, scompenso cardiaco, osteoporosi, perdita di massa muscolare, ulcera, esofagiti ulcerate, irregolarità mestruali, aumento smodato dell’appetito, aggressività, si ingrassa molto, diabete, cataratta, ecc…

Una cosa fondamentale quando si assume il cortisone è di accompagnarlo con inibitori di pompa gastrica per proteggere lo stomaco e l’esofago.

La dose efficace è variabile in funzione del proprio peso e della gravità della propria cefalea, ma normalmente si parte da una dose alta per poi eliminarlo gradualmente. La dose efficace solitamente si aggira intorno ai 4-8 mg di Decadron® fosfato, in fiala intramuscolare per alcuni giorni, per poi passare al Deltacortene® via orale da 25 mg e da 5 mg scalandolo ogni 3 – 4 giorni di circa 5 mg alla volta. Il Deltacortene® deve assolutamente essere eliminato molto dolcemente onde evitare crisi di funzionamento delle ghiandole surrenali (reazione fisica estremamente grave) che se dovessero presentarsi richiedono una riassunzione di Deltacortene® ed una eliminazione più dolce della precedente. La crisi del surrene si manifesta con una debolezza stratosferica e assenza di forze anche minime; io purtroppo l’ho sperimentata.

Cortisone e cefalea a grappolo: shock farmacologico

In alcuni casi, particolarmente ostici di cefalea a grappolo, si usa il cortisone per dare uno shock al sistema neuroendocrino che spesso è efficace per interrompere grappoli particolarmente persistenti o per mandare in remissione i cronici; si chiama shock farmacologico diretto e si esegue sotto stretta sorveglianza medica e sotto ricovero ospedaliero.

Si tratta di somministrare per tre o cinque giorni una dose di 1gr di cortisone via endovenosa per poi come da prassi eliminarlo molto dolcemente con l’uso di Deltacortene®. Gli effetti collaterali a tali dosaggi incrementano notevolmente anche se per pochi giorni, ma segnalo un potenziale aumento dell’aggressività tale da essere tenuta sotto controllo con l’uso della propria consapevolezza e volontà; reazioni inconsulte ed eccessive per piccoli trigger

attivatori della rabbia possono però essere previste. Altro effetto collaterale importante è l‘ insonnia, pertanto è utile utilizzare delle simil benzodiazepine di accompagnamento al sonno, e/o dosi significative di melatonina (anche fino a 10 mg).

Ad ogni buon conto il cortisone per alcuni grappolati episodici è eccezionale perché anche a dosi non eccessive come ad esempio una pastiglia di Deltacortene® da 25mg /die è in grado di arrestargli gli attacchi per tutta la durata del grappolo evitando di farlo soffrire.

Tra gli effetti definiti collaterali del cortisone ci sono anche cose piacevoli come il fatto di essere dopante, pertanto ci si sente pieni di forza, molto positivi, con un piacevole appetito, energici ed in piena forma fisica. Questo è naturalmente tutto artificiale e dovuto al farmaco, però si vive in maniera piacevole; il problema poi subentra quando lo si elimina; quando si elimina il cortisone avviene un effetto contrario, ci si sente un po’ più affaticati, c’è la tendenza a dormire di più, e tirare avanti è un po’ più dura del periodo precedente in cui si assumeva il farmaco. Essere consapevole di questa cosa è importante perché la consapevolezza ti consente di affrontare meglio quel breve periodo, sapendo che è un periodo limitato nel tempo e che poi passa.

Per cortisone e cefalea a grappolo leggi anche  Cefalea a grappolo “Sintomi, cura e prevenzione”

Leggi anche IL FARMACO DI ECCELLENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *