GANODERMA E TIROIDE

Ganoderma e tiroide

Ganoderma e tiroide
Ganoderma e tiroide

Scopriamo insieme i benefici del Ganoderma per la Tiroide

Il Ganoderma per la Tiroide svolge una funzione molto importante . Scopriamo innanzitutto quali sono le problematiche che possono essere associate alla Tiroide.

 

Disfunzione della Tiroide è il termine che viene utilizzato quando le ghiandole della Tiroide di un individuo smettono di funzionare normalmente. Le ghiandole della Tiroide secernono normalmente un enzima chiamato Tiroxina che aiuta il processo del metabolismo. Quando le ghiandole secernono una quantità eccessiva o una quantità troppo bassa di Tiroxina rispetto a quella che necessita il nostro corpo per il metabolismo, si parla di disfunzione della tiroide. Questi due tipi di disfunzione della Tiroide si chiamano rispettivamente Ipertiroidismo e Ipotiroidismo. Entrambe queste disfunzioni provocano disagio e gradualmente possono causare tanti problemi per la salute.

 

L’utilizzo del Ganoderma per la Tiroide è molto utile nel controllare le situazioni di disagio. Per incominciare aiuta le persone a sentire meno la stanchezza mattutina. Le persone che assumono il Ganoderma iniziano a sentirsi piene di energia ed entusiasmo.

Sintomi comuni dell’Ipotiroidismo sono la pelle secca, la depressione, l’aumento di peso con la sensazione di vedersi deboli e magri, la stanchezza e nelle donne l’avere periodi mestruali irregolari. Quando una persona inizia ad assumere il Ganoderma Lucidum, inizia a sentirne i benefici già dopo 10-15 giorni, se lo sta assumendo nel modo corretto. Un altro elemento naturale che è molto utile per la disfunzione tiroidea è la Spirulina. Si tratta di un’alga marina, che si può assumere tramite capsule o tramite bevande.

Ganoderma e tiroide per la Tiroidite di Hashimoto

La maggior parte delle persone che affette da questa patologia inizia ad assumere l’Eutirox. Questo farmaco costituisce va assunto per sempre perché, dal momento che somministra l’ormone tiroideo, la Tiroide non lo produce più. Il Ganoderma per la Tiroide può esercitare un’azione molto interessante. Si può arrivare (sempre sotto controllo del proprio medico) ad una graduale riduzione dell’Eutirox. Viene infatti gradualmente bloccata la produzione di anticorpi tiroidei e c’è il ripristino delle normali funzioni della Tiroide, che riprende a generare autonomamente gli ormoni T3 e T4.

Il processo di ritorno alla normalità avviene di solito in 4 fasi, che devono essere seguite attentamente dal vostro medico:

FASE 1: Il Ganoderma per la Tiroide inizia a stimolare la ripresa della generazione dell’ormone tiroideo. Inoltre nella Tiroidite autoimmune solitamente nascono autonomamente anticorpi che attaccano la Tiroide, la infiammano e la indeboliscono. Le persone che assumono il Ganoderma per la Tiroide già nei primi mesi si accorgono che questi auto anticorpi si riducono in maniera importante.

FASE 2: Solitamente nel terzo-quarto mese le persone si accorgono che il TSH, l’ormone tiroideo che stimola la Tiroide, è salito ed andato oltre i valori normali. Questo fatto, solitamente interpretato come un peggioramento, rappresenta invece la ripresa della ghiandola, che era diventata inattiva a causa dell’Eutirox. Il TSH era prima con valori normali perché la Tiroide era stata messa in stato di inattività perché l’Eutirox le fornisce l’ormone già bello e pronto. Il Ganoderma invece risveglia la Tiroide e in questa fase l’ipofisi alza il TSH oltre i valori normali.

FASE 3: Coloro che continuano ad assumere il Ganoderma scoprono che il TSH, dopo circa 2-3 mesi, torna nella norma perché la Tiroide sta riprendendo le sue funzioni normali e non ha più bisogno di uno stimolo importante dell’ipofisi.

FASE 4: In questa fase (sempre sotto indicazione del proprio medico curante) si può ridurre gradualmente l’Eutirox, perché la funzione tiroidea sta tornando lentamente alla normalità. Monitorando gli anticorpi ci si accorgerà che se sono completamente o molto vicini alla norma, la Tiroide non è più sotto attacco e si potrà ridurre gradualmente l’Eutirox, fino ad arrivare nell’arco di 3 mesi alla completa sospensione.

In un anno si possono attraversare queste 4 fasi e riportare la Tiroide in piena Salute. Si tratta di passaggi che devono essere affrontati e monitorati con il proprio medico che prescrive l’Eutirox.

Ganoderma per la Tiroide

Le capsule di Ganoderma per la Tiroide aiutanano fortemente a normalizzare i valori alterati. Sia quelli degli ormoni tiroidei (T3, T4 e TSH), sia quelli degli anti-corpi autoimmuni anti-tireoperossidasi (Ab anti-TPO) e anti-tireoglobulina (Ab anti-Tg). Il Ganoderma è ricco di benefici per la nostra salute e la sua assunzione quotidiana è una piccola abitudine che può contribuire a ripristinare la Salute della Tiroide.

Ganoderma e tiroide è un articolo che documenta i veri benefici del ganoderma lucidum per la tiroide.

Usa solo Ganoderma debitamente certificato, provalo Ganoderma certificato

Leggi anche: http://davideschiantarelli.com/il-ganoderma-lucidum/

N.B.:Partendo dal principio fondamentale che, nel caso di una patologia della tiroide, il Ganoderma debba essere preso sotto controllo del proprio medico, qui si possono trovare delle indicazioni interessanti:

Si può assumere Ganoderma per la Tiroide congiuntamente con i farmaci?

Assolutamente sì. Non c’è interazione con i farmaci. I farmaci non vanno mai sospesi. L’unica persona che può dirvi di sospendere i farmaci è il vostro medico, che monitora l’andamento della vostra salute e decide d’accordo con voi.

Fare opportune verifiche sull’indicazione di quelle persone alle quali si sconsiglia l’assunzione di Ganoderma. Ad esempio coloro che assumono farmaci anticoagulanti.

Fonti “Ganoderma per la Tiroide”: Dott. Walter Ardigò

Una risposta a “GANODERMA E TIROIDE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *