IL LION’S MANE (Heridciums) “Composizione e indicazioni”

Il Lion's mane
Il Lion’s mane

Il Lion’s Mane
Chiamato anche Hedgehog Mushroom, Monkey’s mushroom, Bear’s Head, Old Man’s Beard, Yamabushitake (giapponese), Houtou (cinese) e Hericium erinaceus (latino)

1 Fonti e composizione

1.1. fonti
Lo Yamabushitake è un fungo che cresce su latifoglie vecchie o morte e viene consumato in Giappone e in Cina senza riportare effetti nocivi.
Alcuni nomi comuni di questo fungo includono anche Monkey’s Head, Lion’s Mane e Satyr’s Beard ed è talvolta chiamato Houtou poiché è il nome di una bevanda sportiva che conteneva Hericium erinaceus (11 ° Asia Sport Festival in Cina del 1990).
1.2. Composizione
Il fungo Yamabushitake (Hericium erinaceus) contiene:
Hericenones A e CH
Erinacines AK
Derivati di orcinolo (Mycelium)
Lectina legante con acido sialico
Steroli come ergosterolo e beta-sitosterolo e un componente polisaccaride (Hericium erinaceus)
Polisaccaridi, denominati HEF-P e appartenenti alla famiglia dei beta-glucani; che può essere scomposto in quattro polisaccaridi.La percentuale di polisaccaridi nei corpi fruttiferi sembra essere intorno al 20%, con il 18,59% rilevato con un’estrazione di etanolo con la struttura generale di questi polisaccaridi comprendenti xilosio (7,8%), ribosio (2,7%), glucosio (68,4%), arabinosio (11,3%), galattosio (2,5%) e mannosio (5,2%).
Come la maggior parte dei funghi medicinali, Yamabushitake sembra avere polisaccaridi bioattivi (carboidrati) in aggiunta ad alcune molecole solubili in etanolo
Il contenuto fenolico totale di Yamabushitake sembra essere nell’intervallo 10,20 ± 2,25 mg di equivalenti di acido gallico (GAE) per grammo (circa 1%) con l’estratto di acqua calda, che sembra essere fino a 5 volte superiore ai livelli di cottura del forno e corpi di frutta metanolica o liofilizzata. Questo 10,20 +/- 2,25 mg GAE / g (contenuto fenolico) è significativamente inferiore al farmaco di riferimento della quercetina(194,24 +/- 7,58) e su una base di potenza il potenziale antiossidante complessivo dello yamabushitake è di circa il 17,7% quercetina in vitro.
Anche i polisaccaridi sono attivi in vivo, con 300 mg / kg di polisaccaridi al giorno per 15 giorni in grado di ridurre i cambiamenti ossidativi indotti da ischemia / riperfusione.
Il potenziale antiossidante fenolico dello yamabushitake è significativamente inferiore ai farmaci di riferimento della quercetina e dell’acido gallico, sebbene il contenuto di polisaccaridi sia anche bioattivo

2 Interazioni con neurologia

2.1.neurogenesi
È stato osservato che Yamabushitake aumenta l’espressione di mRNA del fattore di crescita nervosa (NGF) negli astrociti isolati a circa 5 volte quella del controllo a 100-150ug / ml dell’estratto etanolico in modo dipendente dalla concentrazione, senza efficacia rilevata nell’acqua estratto. Durante la sperimentazione di hericenones CE, nessuno è stato trovato efficace nell’intervallo 10-100ug / mL e l’inibizione della segnalazione JNK sembra impedire l’azione di yamabushitake (con p38 MAPK, PKA, PKC e MEK non coinvolti).
Un aumento dell’mRNA di NGF è stato rilevato nell’ippocampo, ma non nella corteccia, di topi trattati con il 5% della dieta come yamabushitake per un periodo di sette giorni a circa 1,3 volte il controllo
L’estratto etanolico di Yamabushitake sembra aumentare i livelli di mRNA di NGF, e questo è stato confermato dopo somministrazione orale a topi
È stato notato che la secrezione di NGF dagli astrociti è aumentata con 150ug / mL di estratto etanolico ma non da 50-100ug / ml mentre è noto che le erinacine isolate (AC) stimolano la secrezione di NGF a concentrazioni di 1 mM, con una potenza notevolmente superiore quello di adrenalina alle stesse concentrazioni.
È stato notato che la secrezione di NGF dagli astrociti aumenta con l’incubazione dell’estratto etanolico di yamabushitake
Osservando specificamente i neuroni, lo yamabushitake sembra promuovere il prolungamento neuronale e la formazione della mielina
2.2.Neurotrasmissione glutaminergica
L’eccitabilità neuronale da acido glutammico sembra essere attenuata in presenza di estratti di yamabushitake,
2.3.neuroprotezione
Un analogo degli Hericenones, chiamato 3-idrossigenico, è stato implicato nel preservare i neuroni dalla morte indotta dallo stress del reticolo endoplasmatico.Questo meccanismo di azione è anche visto con vari composti di benzene in Yamabushitake.
È stato anche dimostrato, in vitro, di migliorare la mielinizzazione (produzione della guaina mielinica) dei neuroni, che può essere a valle dell’NGF.
2.4.Cognizione
Lo Yamabushitake sembra proteggere i ratti dal declino cognitivo causato dalla pigmentazione β-amiloide allo stesso 5% della dieta vista in precedenza.
Uno studio sull’uomo con 3 g di polvere di Yamabushitake al 98% (in forma di capsule) ha mostrato miglioramenti significativi su una scala di valutazione della demenza in persone che soffrono di declino cognitivo generale. Il supplemento aumentava la cognizione relativa al controllo e il grado di miglioramento aumentava nel tempo; tuttavia, 4 settimane dopo la cessazione, l’inizio di un declino è tornato alla normalità nonostante sia stato significativamente elevato rispetto al controllo.
Anche i sintomi di ansia e depressione sono stati ridotti negli esseri umani alimentati con 2 g di Yamabushitake, attraverso i biscotti, nel corso di 4 settimane.C’era una differenza significativa tra i gruppi sulle misure di concentrazione e irritabilità, favorendo il gruppo Yamabushitake.
2.5.Lesioni nervose
In uno studio condotto su ratti, l’estratto di acqua Yamabushitake è stato in grado di promuovere la ricrescita neuronale dopo una lesione schiacciante. I ratti che avevano un nervo gluteo danneggiato (intenzionalmente) durante l’intervento chirurgico erano in grado di camminare meglio dopo l’ingestione di acqua contenente l’estratto dei frutti. Due dosi utilizzate in questo studio erano 10 o 20 ml per kg di peso corporeo al giorno, ma la dose esatta di mg o mmol non è stata registrata; le due dosi, tuttavia, non differivano l’una dall’altra. Questo è stato condotto come follow-up di uno studio in vitro che suggerisce una crescita neuronale da Yamabushitake, che non ha mostrato sintomi tossici.

3 Salute cardiovascolare sostenuta dal lion’s mane

3.1. Pressione sanguigna
E ‘stato dimostrato che Hericenone B esercita un’azione anti-piastrinica inibendo la segnalazione dal collagene attraverso α2 / β1 per rilasciare acido arachidonico (uno dei due recettori che media la trombosi attraverso il collagene); il meccanismo sembra essere potente ma specifico nei conigli testati, con inibizione completa a 30μM (simile all’aspirina 5μM come farmaco di riferimento) e quasi completo a 10μM.È interessante notare che l’hericenone CE non ha avuto alcuna influenza sull’aggregazione piastrinica indotta da collagene e mentre l’hericenone B era attivo su altre forme di aggregazione (adrenalina e U46619 ma non ADP né trombina) era meno efficace.
L’Hericenone B sembra inibire in modo potente e specifico l’aggregazione piastrinica indotta dal collagene, con altri hericenoni che non hanno molto effetto e altre forme di aggregazione non sono significativamente influenzate.La concentrazione che ciò accade suggerisce che è biologicamente rilevante
Yamabushitake sembra essere un ACE inibitore (estratto a caldo dei corpi fruttiferi) con una IC 50valore di 580 +/- 23μg / mL, significativamente inferiore al più potente fungo testato Ganoderma lucidum (50 ug / mL).
Gli estratti di acqua calda dei funghi tendono ad essere più potenti degli ACE inibitori degli estratti etanolici o metanolici, e i bioattivi dei funghi che sono stati osservati per inibire l’ACE includono D-mannosio (IC50di 3 mg / ml) e Acido L-pipecolico (IC50di 23,7 mg / ml). Poiché queste molecole sono più deboli di yamabushitake, si ritiene attualmente che i peptidi bioattivi siano alla base del potenziale di ACE-inibitore come sono stati rilevati prima nei funghi (Val-Ile-Glu-Lys-Tyr-Pro e Gly- Glu-Pro)
Yamabushitake ha proprietà inibitori dell’ACE, anche se sembrano essere piuttosto deboli e potrebbero non essere biologicamente rilevanti. La molecola esatta alla base di questi effetti non è attualmente nota, ma potrebbe essere un peptide bioattivo
3.2. Lipidi e colesterolo
Sia l’acqua calda che l’estratto etanolico di yamabushitake sono stati testati in topi iperlipidemici al 2% della dieta (1,896-3,16 g / kg di acqua calda e 2,016-3,36 g / kg di etanolo) sono in grado di ridurre i trigliceridi (8% di acqua calda e 27,1% di etanolo relativo al controllo) senza alcun effetto apparente sull’HDL-C né sul colesterolo totale. Questi effetti ipolipememici sono stati osservati anche nel tessuto epatico (29,8% di acqua calda e 38,8% di etanolo) e si pensava che fossero correlati alla capacità dell’estratto etanolico di agire come un agonista PPARα con un valore di EC50 di 40 μg / mL; c’è stato un aumento dei geni a valle di PPARα ma nessun cambiamento nell’espressione di PPARα.
Yamabushitake può agire come un agonista PPARα e ridurre i trigliceridi senza alcun effetto apparente sul colesterolo
Sebbene sia l’acqua calda che gli estratti etanolici siano stati trovati inattivi su colesterolo e HDL-C, un estratto derivato dal micelio di yamabushitake (estratto etanolico che è stato poi liofilizzato) sembra ridurre LDL del 45,5% e migliorare HDL-C del 31,1% se assunto a una dose orale di 200 mg / kg con 50 mg / kg anche essendo un po ‘attivo.
Anche se il corpo fruttifero del fungo (porzione commestibile) non sembra influenzare significativamente il metabolismo delle lipoproteine e del colesterolo, il micelio può ridurre il colesterolo

4 Massa grassa e obesità

4.1.meccanismi
L’integrazione sia di acqua calda che di estratti etanolici di yamabushitake nei topi (1,896-3,16 g / kg di acqua calda e 2,016-3,36 g / kg di etanolico) ha dimostrato di aumentare l’espressione di diversi geni coinvolti nel metabolismo dei grassi tra cui Acad1, Srebf1, e Slc27a1, che si pensava fosse dovuto all’attivazione di PPARα.
Yamabushitake sembra essere un agonista PPARα, che può contribuire a bruciare i grassi
4.2.nterventi
La supplementazione di yamabushitake (1,896-3,16 g / kg di estratto di acqua calda o 2,016-3,36 g / kg dell’estratto etanico) sui topi è in grado di attenuare l’aumento di peso durante una dieta ricca di grassi del 30% (acqua calda) e del 42,4% (etanolica ) associato ad un minore accumulo di grasso nel fegato e nel tessuto adiposo mesenterico.
L’estratto di micelio a 50-200 mg / kg nei ratti, nonostante abbia proprietà di riduzione del colesterolo, non è riuscito a influenzare in modo significativo il peso corporeo nel corso di quattro settimane.

5 Infiammazione e immunologia

5.1.meccanismi
Yamabushitake è stato notato per sopprimere l’attivazione dei macrofagi indotta da LPS (principalmente la frazione cloroformica, ma anche vista con acqua e estratti alcolici) associata a una minore attivazione della chinasi C-Jun N-terminale e meno traslocazione nucleare di NF-kB.
Il polisaccaride noto come HEF-AP Fr II (un beta-glucano), al contrario, è stato trovato per stimolare l’attività dei macrofagi stessi come valutato dal rilascio di TNF-α e IL-β ad una concentrazione di 1 mg / ml. Ciò può essere correlato all’aumento dei macrofagi e del numero di cellule T osservato con le incubazioni di questo fungo.
Composti diversi nello yamabushitake sembrano modulare in modo diverso il sistema immunitario, con i polisaccaridi che sembrano essere immunostimolanti, ma altre molecole (principalmente nell’estratto di cloroformio) sembrano sopprimere l’attivazione dei macrofagi
5.2.interventi
Uno studio su ratti topicamente feriti con l’estratto di acqua di yamabushitake ha rilevato che l’accumulo di cellule immunitarie nella ferita è stato ridotto nel gruppo yamabushitake rispetto al controllo.
Alcune lesioni della chemiotassi possono verificarsi nelle ferite

6 Interazioni con il metabolismo del cancro


6.1.Colon
In vitro, l’acqua calda e gli estratti etanolici di yamabushitake mostrano un potenziale antimetastatico nelle cellule di cancro del colon CT-26 a 500 μg / mL associate a meno fosforilazione di ERK e JNK che hanno portato a una minore secrezione di MMP e formazione di lamellipodi.
Sia l’acqua calda che gli estratti etanolici di yamabushitake sembrano inibire le metastasi delle cellule del cancro del colon al polmone del 66-69% con iniezioni di 10 mg / kg di estratti dai corpi fruttiferi.

7 Interazioni con l’estetica

7.1.Pelle
Yamabushitake è associato ad aumentare il tasso di riparazione delle ferite della carne quando l’estratto d’acqua viene applicato alla ferita.

8 Sicurezza e tossicità

Gli studi tossicologici condotti sui ratti suggeriscono che le dosi fino a 5 g / kg di peso corporeo sono sicure nei ratti quando somministrate come MUNOPHIL, che è una combinazione di Yamabushitake e Panax Ginseng.La percentuale di questo composto in peso che è Yamabushitake non è stata elencata.
C’è stato un caso studio di un uomo di 63 anni che ha sofferto di insufficienza respiratoria acuta e che i linfociti in eccesso nei suoi polmoni hanno mostrato un’alta reattività a Yamabushitake al giorno per 4 mesi in dosi comunemente acquistate. La connessione tra i due, quando valutata, è vista come una connessione “probabilmente”.

Leggi anche: http://davideschiantarelli.com/il-cordyceps/

Puoi trovare il miglior prodotto debitamente certificato cliccando su: Lion’s Mane

Riferimenti bibliografici di consultazione del Lion’s mane

  1. Tanaka A, Matsuda H.Expression of nerve growth factor in itchy skins of atopic NC/NgaTnd mice.J Vet Med Sci. (2005)
    2. Mori K, et al.Nerve growth factor-inducing activity of Hericium erinaceus in 1321N1 human astrocytoma cells.Biol Pharm Bull. (2008)
    3. Wong KH, et al.Neuroregenerative potential of lion’s mane mushroom, Hericium erinaceus (Bull.: Fr.) Pers. (higher Basidiomycetes), in the treatment of peripheral nerve injury (review).Int J Med Mushrooms. (2012)
    4. Bioactive Substances in YAMABUSHITAKE, the Hericium erinaceum Fungus, and its Medicinal Utilization.
    5. Yaoita Y, Danbara K, Kikuchi M.Two new aromatic compounds from Hericium erinaceum (BULL.: FR.) PERS(1).Chem Pharm Bull (Tokyo). (2005)
    6. Chromans, hericenones F, G and H from the mushroom Hericium erinaceum.
    7. Ueda K, et al.An endoplasmic reticulum (ER) stress-suppressive compound and its analogues from the mushroom Hericium erinaceum.Bioorg Med Chem. (2008)
    8. Erinacines J and K from the mycelia of Hericium erinaceum.
    9. Erinacines E, F, and G, stimulators of nerve growth factor (NGF)-synthesis, from the mycelia of Hericium erinaceum.
    10. Antimicrobial chlorinated orcinol derivatives from mycelia of Hericium erinaceum.
    11. A sialic acid-binding lectin from the mushroom Hericium erinaceum.
    12. Li JL, et al.A comparative study on sterols of ethanol extract and water extract from Hericium erinaceus.Zhongguo Zhong Yao Za Zhi. (2001)
    13. Mizuno T, et al.Antitumor-active polysaccharides isolated from the fruiting body of Hericium erinaceum, an edible and medicinal mushroom called yamabushitake or houtou.Biosci Biotechnol Biochem. (1992)
    14. Xu H, et al.Chemical analysis of Hericium erinaceum polysaccharides and effect of the polysaccharides on derma antioxidant enzymes, MMP-1 and TIMP-1 activities.Int J Biol Macromol. (2010)
    15. Lee JS, et al.Study of macrophage activation and structural characteristics of purified polysaccharides from the fruiting body of Hericium erinaceus.J Microbiol Biotechnol. (2009)
    16. Dong Q, Jia LM, Fang JN.A beta-D-glucan isolated from the fruiting bodies of Hericium erinaceus and its aqueous conformation.Carbohydr Res. (2006)
    17. Han ZH, Ye JM, Wang GF.Evaluation of in vivo antioxidant activity of Hericium erinaceus polysaccharides.Int J Biol Macromol. (2013)
    18. Abdullah N, et al.Evaluation of Selected Culinary-Medicinal Mushrooms for Antioxidant and ACE Inhibitory Activities.Evid Based Complement Alternat Med. (2012)
    19. Effects of cultivation techniques and processing on antimicrobial and antioxidant activities of Hericium erinaceus ( Bull .: Fr .) Pers . Extracts.
    20. Erinacines A, B and C, strong stimulators of nerve growth factor (NGF)-synthesis, from the mycelia of Hericium erinaceum.
    21. Neurotropic and Trophic Action of Lion’s Mane Mushroom Hericium erinaceus (Bull.: Fr.) Pers. (Aphyllophoromycetideae) Extracts on Nerve Cells in Vitro.
    22. Ueda K, et al.Endoplasmic reticulum (ER) stress-suppressive compounds from scrap cultivation beds of the mushroom Hericium erinaceum.Biosci Biotechnol Biochem. (2009)
    23. Kolotushkina EV, et al.The influence of Hericium erinaceus extract on myelination process in vitro.Fiziol Zh. (2003)
    24. Mori K, et al.Effects of Hericium erinaceus on amyloid
    β(25-35) peptide-induced learning and memory deficits in mice.Biomed Res. (2011)
    25. Mori K, et al.Improving effects of the mushroom Yamabushitake (Hericium erinaceus) on mild cognitive impairment: a double-blind placebo-controlled clinical trial.Phytother Res. (2009)
    26. Nagano M, et al.Reduction of depression and anxiety by 4 weeks Hericium erinaceus intake.Biomed Res. (2010)
    27. Wong KH, et al.Peripheral Nerve Regeneration Following Crush Injury to Rat Peroneal Nerve by Aqueous Extract of Medicinal Mushroom Hericium erinaceus (Bull.: Fr) Pers. (Aphyllophoromycetideae).Evid Based Complement Alternat Med. (2011)
    28. Activity of Aqueous Extracts of Lion’s Mane Mushroom Hericium erinaceus (Bull.: Fr.) Pers. (Aphyllophoromycetideae) on the Neural Cell Line NG108-15.
    29. Farndale RW, et al.The role of collagen in thrombosis and hemostasis.J Thromb Haemost. (2004)
    30. Mori K, et al.Inhibitory effect of hericenone B from Hericium erinaceus on collagen-induced platelet aggregation.Phytomedicine. (2010)
    31. Angiotensin I-converting enzyme inhibitor from Grifola frondosa.
    32. Isolation and characterization of a novel angiotensin I-converting enzyme inhibitory peptide derived from the edible mushroom Tricholoma giganteum.
    33. Hagiwara SY, et al.A phytochemical in the edible Tamogi-take mushroom (Pleurotus cornucopiae), D-mannitol, inhibits ACE activity and lowers the blood pressure of spontaneously hypertensive rats.Biosci Biotechnol Biochem. (2005)
    34. Inhibitory effects of l-pipecolic acid from the edible mushroom, Sarcodon aspratus, on angiotensin I-converting enzyme.
    35. Antioxidative and ACE inhibitory activities in enzymatic hydrolysates of the cotton leafworm, Spodoptera littoralis.
    36. Hiwatashi K, et al.Yamabushitake mushroom (Hericium erinaceus) improved lipid metabolism in mice fed a high-fat diet.Biosci Biotechnol Biochem. (2010)
    37. Yang BK, Park JB, Song CH.Hypolipidemic effect of an Exo-biopolymer produced from a submerged mycelial culture of Hericium erinaceus.Biosci Biotechnol Biochem. (2003)
    38. Kim YO, et al.Hericium erinaceus suppresses LPS-induced pro-inflammation gene activation in RAW264.7 macrophages.Immunopharmacol Immunotoxicol. (2011)
    39. Wang JC, et al. Antitumor and immunoenhancing activities of polysaccharide from culture broth of Hericium spp. Kaohsiung J Med Sci. (2001)
    40. Abdulla MA, et al.Potential activity of aqueous extract of culinary-medicinal Lion’s Mane mushroom, Hericium erinaceus (Bull.: Fr.) Pers. (Aphyllophoromycetideae) in accelerating wound healing in rats.Int J Med Mushrooms. (2011)
    41. Kim SP, Nam SH, Friedman M.Hericium erinaceus (Lion’s Mane) mushroom extracts inhibit metastasis of cancer cells to the lung in CT-26 colon cancer-tansplanted mice.J Agric Food Chem. (2013)
    42. Park ID, et al. Toxicological study on MUNOPHIL, water extract of Panax ginseng and Hericium erinaceum in rats. J Acupunct Meridian Stud. (2008)
    43. Nakatsugawa M, et al.Hericium erinaceum (yamabushitake) extract-induced acute respiratory distress syndrome monitored by serum surfactant proteins.Intern Med. (2003)
    44. A method for estimating the probability of adverse drug reactions.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.